Strict Standards: Declaration of JCacheControllerView::get() should be compatible with JCacheController::get($id, $group = NULL) in /web/htdocs/www.piantiamola.it/home/libraries/joomla/cache/controller/view.php on line 137

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.piantiamola.it/home/plugins/content/jw_allvideos/jw_allvideos.php on line 42

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.piantiamola.it/home/plugins/content/jw_allvideos/jw_allvideos.php on line 43

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.piantiamola.it/home/plugins/content/jw_simpleImageGallery/jw_simpleImageGallery.php on line 31

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.piantiamola.it/home/plugins/content/jw_simpleImageGallery/jw_simpleImageGallery.php on line 32

Inoltre, in maniera del tutto marginale, l’associazione potrà svolgere le seguenti attività, i cui eventuali proventi saranno reinvestiti a favore di attività istituzionali statutariamente previste:

  • gestire la vendita dei prodotti agricoli coltivati a cittadini comuni, anche organizzati in G.A.S., e a piccoli distributori;
  • gestire centri di ristorazione posti all’interno delle strutture ove l’associazione svolge le proprie attività o le proprie manifestazioni;
  • organizzare mense biologiche, ad esempio negli istituti scolastici;
  • effettuare il commercio al minuto di gadget e articoli pubblicitari all’interno delle strutture in cui opera;
  • effettuare operazioni di tipo immobiliare, mobiliare, pubblicitario, editoriale, tecnologico, correlate allo scopo sociale, necessarie ed utili al raggiungimento degli scopi associativi.

Per lo svolgimento delle suddette attività l’associazione si avvale prevalentemente dell’opera prestata in forma volontaria, libera e gratuita dai propri associati. Per grandi manifestazioni afferenti agli scopi istituzionali dell’associazione la stessa potrà, per quell’evento, avvalersi di attività prestata in forma volontaria, libera e gratuita da persone non associate. L’attività volontaria non può essere retribuita in alcun modo, ma l’associazione, entro i limiti e nei modi preventivamente stabiliti, può rimborsare al volontario le spese effettivamente sostenute. L’associazione potrà inoltre avvalersi, in caso di necessità, di prestazioni di lavoro autonomo o dipendente, anche ricorrendo ai propri associati. Tutte le attività non conformi agli scopi sociali sono espressamente vietate. Le attività dell’associazione e le sue finalità sono ispirate a principi di pari opportunità tra uomini e donne e rispettose dei diritti inviolabili della persona.

ART.3 RISORSE ECONOMICHE

L’associazione trae le risorse economiche per il funzionamento e per lo svolgimento delle proprie attività da:

  • contributi degli aderenti e di privati;
  • contributi dello Stato, di enti e istituzioni pubbliche o di Organismi internazionali;
  • donazioni, eredità, lasciti testamentari e legati;
  • entrate patrimoniali;
  • entrate derivanti da convenzioni o da cessioni di beni o servizi agli associati o ai terzi o da iniziative promozionali;
  • beni mobili o immobili pervenuti all’associazione a qualsiasi titolo;
  • entrate derivanti da manifestazioni, raccolte pubbliche di fondi e attività commerciali occasionali, connesse alla necessità di reperimento fondi per il perseguimento delle attività istituzionali;
  • ogni altra entrata che concorra ad incrementare l’attivo al fine del raggiungimento degli scopi istituzionali.

I contributi degli aderenti sono costituiti dalle quote associative annuali, stabilite dal Consiglio Direttivo, e da eventuali contributi straordinari stabiliti dall’assemblea, che ne determina l’ammontare. Le quote o i contributi associativi non sono trasmissibili ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte e non sono soggetti a rivalutazione. E’ vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge. Gli eventuali avanzi di gestione dovranno essere reinvestiti a favore di attività istituzionali statutariamente previste. I fondi dell’associazione sono depositati presso l’istituto di credito stabilito dal Consiglio Direttivo. Nel caso di raccolta pubblica di fondi, l’associazione dovrà redigere un apposito rendiconto da cui risultino, nel dettaglio, le entrate e le spese sostenute.

ART.4 BILANCIO O RENDICONTO

L’anno finanziario inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno. Al termine di ogni esercizio il Consiglio Direttivo redige il bilancio preventivo e consuntivo, dal quale devono risultare con chiarezza e precisione le entrate e le uscite,  e lo sottopone all’approvazione dell’Assemblea dei soci entro e non oltre il 31 agosto. Il bilancio consuntivo e preventivo è approvato dall’Assemblea generale ordinaria con voto palese e con la maggioranza prevista dallo statuto. Esso deve essere depositato presso la sede dell’associazione entro i quindici giorni precedenti la seduta per poter essere consultato da ogni associato.